Aconcio 09 063bok
Aconcio 09 063bok

Fronte

press to zoom
PICT0021bok
PICT0021bok

press to zoom
Schizzo Aconcio5
Schizzo Aconcio5

press to zoom
Aconcio 09 063bok
Aconcio 09 063bok

Fronte

press to zoom
1/13

Edificio per uffici

via J. Aconcio

Trento (TN)

2000-2006

con

arch. Marco Bertotti

terreno             1230 mq

s.l.p.                  2520 mq

vol. fuori terra 9400mc

vol. totale       12600 mc

Il complesso architettonico è situato a Trento in via Jacopo Aconcio.

L'area urbana si trova all'interno delle zone classificate "terziarie e direzionali" dal Piano Regolatore del Comune di Trento, zone in cui sono ammesse le attrezzature destinate ad ospitare attività amministrative, quali uffici, banche, esposizioni, attrezzature ricettive etc.

L'organismo edilizio preesistente, in stato di degrado, presentava l'impianto edilizio ancora nell'interezza delle sue parti costituite da un corpo principale di sei piani su via J. Aconcio e da un fabbricato a due piani nella parte retrostante.

 

Il programma funzionale della committenza prevedeva di collocare tutti i gruppi consiliari in un unico edificio sito in posizione favorevole rispetto alla sede della Provincia e a tale scopo è stato individuato l'edificio di progetto.

L'edificio pluripiano è costituito da un piano terra destinato alle sale riunioni e convegni e da quattro piani superiori, fino al sesto livello, dove trovano collocazione gli uffici dei diversi gruppi consigliari.  Il settimo livello è adibito a piano tecnico.

Un piano interrato completa l'intervento ospitando  un adeguato numero di posti auto.

 

Nella ristrutturazione è stata mantenuta la differenziazione formale esistente nel prospetto di via Jacopo Aconcio tra i primi quattro piani e i due piani soprastanti, derivanti da una successiva sopraelevazione, trattando in due modi distinti sia i pieni e i vuoti che i materiali di finitura. Infatti la parte superiore corrispondente agli ultimi due piani è rivestita con pannelli di alluminio coibentati mentre la parte inferiore è costituita da una facciata ventilata con superficie esterna in lastre di pietra rosa, dove la parte piena è dominante sui vuoti delle finestre. L'ingresso all'edificio è sottolineato da un taglio verticale nella facciata in pietra. L'edificio a due piani, che si apre sul piazzale interno al complesso architettonico con una facciata minimalista è collegato al corpo più basso mediante una struttura completamente vetrata. Le pareti del piazzale interno verso le altre proprietà sono state rivestite con pannelli e tubi in acciaio.