PROGETTI DI COMUNITA'

Concorso di idee per la nuova chiesa di S.Rocco

IN MEDIA RE

Arch. Mario Basso - Arch. Antongiulio Debiasi                              Progetto segnalato

Non si é voluto proporre una forma monumentale avulsa dal contesto, ma un elemento urbano in rapporto dialettico con l'ambiente circostante, senza peraltro rinunciare all’evocatività di un’architettura religiosa. Cosi l’edificio ecclesiale é stato inserito nel contesto creandogli attorno un adeguato spazio, attraverso un rapporto di costruito e di vuoto (la piazza e il sagrato) inteso come elemento importante di aggregazione sociale.

Un altro e più complesso tema trattato nel progetto è suggerito dalla riflessione sullo spazio assembleare eucaristico.

Si è voluto costruire un “anello” attraverso il quale occorre passare per raggiungere lo spazio sacro, la zona di pausa; l’anello é l'intercapedine attraverso la quale il rapporto con il mondo vero e la natura reale é filtrato, lo spiraglio attraverso il quale si realizza separazione e relazione, soprattutto se al suo interno sono disposti gli elementi che tradizionalmente connotano lo spazio religioso. L’intercapedine varia natura, senso e luce in ognuno dei suoi quattro lati.

L'edificio religioso si caratterizza planimetricamente per essere un quadrato fiancheggiato lungo il  lato sud dal rettangolo disassato che contiene l’aula feriale, i confessionali e la sacrestia, lungo i lati nord e ovest da un porticato e lungo il lato est dal sagrato coperto.

Al sagrato é stata data una grande importanza. Questo deve consentire la sosta prima e dopo le funzioni religiose e svolgere quindi un ruolo fortemente socializzante: é delimitato sul lato nord dal porticato aperto e sul lato ovest dalla facciata principale della chiesa in maniera da rendere più  raccolto l'incontro con la comunità.

Il volume di progetto, che si articola nella compenetrazione del parallelepipedo orientato secondo l'edificio esistente e il volume a  pianta quadrata dell'aula maggiore, si caratterizza per alcune eccezionalità come la grande copertura dell’aula maggiore che si innalza verso la zona de! presbiterio,  il campanile situato presso l’ingresso principale e la vetrata curva dell’aula feriale.